Contribuire alla raccolta di firme per i diritti delle donne

Giornata nazionale di raccolta firme all’insegna della parità di genere

Aiutaci a raccogliere le firme per l’Iniziativa per la Democrazia questo mercoledì allo sciopero femminista. Stampa il foglio qui – ogni firma è importante. Dopo tutto, da oltre 100 anni, la lotta per un diritto di cittadinanza equo è anche una lotta per i diritti delle donne:

  • Fino alla seconda metà del secolo scorso, le donne che vivevano in concubinato avevano poche possibilità di naturalizzazione.
     
  • Le stesse difficoltà sono state riscontrate dalle donne che non avevano un lavoro o che vivevano in condizioni di difficoltà economica.
     
  • Fino al 1978, le donne che sposavano un uomo senza passaporto svizzero rischiavano di perdere il loro passaporto svizzero, mentre non accadeva il contrario. Ai figli di donne svizzere e del loro marito straniero non veniva concessa la cittadinanza svizzera.
     
  • Fino al 1992, le donne con passaporto svizzero non avevano lo stesso diritto come gli uomini di trasmettere la cittadinanza svizzera ai propri figli.
     
  • Fino all’adozione del matrimonio per tutti, le donne senza passaporto svizzero che vivevano in un’unione omosessuale con una donna svizzera non avevano la possibilità di ottenere la naturalizzazione agevolata.

Tuttavia, la discriminazione delle donne nella cittadinanza svizzera è ancora una realtà. Le donne che lavorano in settori precari o che svolgono lavori di cura non retribuiti in misura comparativamente maggiore rispetto agli uomini hanno difficoltà a naturalizzarsi. In molti luoghi, le domande di naturalizzazione delle donne colpite dalla povertà, soprattutto quelle provenienti da Paesi dell’Europa orientale e meridionale e del Sud globale, non hanno alcuna possibilità di essere accettate. Infine, modelli di ruolo stereotipati e sessisti caratterizzano ancora oggi molte processi di naturalizzazione.

Un esempio dalla pratica

La signora G, madre single, ha dovuto rinunciare a un’attività lavorativa per potersi occupare adeguatamente del figlio, malato cronico dalla nascita. Questo l’ha costretta a richiedere le prestazioni dell’assistenza sociale. Fino a quel momento, aveva sempre svolto un’attività lavorativa e si era mantenuta finanziariamente indipendente. La domanda di naturalizzazione della signora G è stata respinta con la motivazione che aveva ricevuto prestazioni di assistenza sociale senza rimborsare le prestazioni precedenti. Il Tribunale federale ha respinto il ricorso della donna.

Comitati locali

I nostri comitati locali stanno già raccogliendo firme. Volete partecipare anche voi? Trovate il comitato locale più vicino a voi. Un comitato locale in Ticino sarà lanciato a breve.

Ai nostri comitati locali

Donazioni

Come organizzazione della società civile, dipendiamo dalle donazioni, perché un’iniziativa popolare è un progetto costoso. Potete sostenerci molto facilment tramite Twint e tuttli gli altri comuni mezzi di pagamento.

Donare ora

Diversità linguistica

La nostra newsletter è ora disponibile separatamente in tedesco, francese e italiano. Preferite ricevere la newsletter in un’altra lingua?

Scriveteci qui

Grazie per il vostro sostegno!
Se volete fare di più, invitate i vostri amici e conoscenti a firmare l’iniziativa popolare, a fare una donazione e a seguirci su FacebookTwitter e Instagram, in modo che più persone sappiano di noi.
Vi salutiamo caloroso benvenuto,

Il Comitato d’iniziativa e tutto il team de l’Azione Quattro Quarti

Notizie correlate

Voci per una democrazia per i 4/4 della Svizzera – ampio sostegno pubblico all’Iniziativa per la democrazia

2 e 3 marzo 2024: le due giornate nazionali della raccolta firme!

Gli eventi

Partecipate ai nostri prossimi eventi.

KICK-OFF EVENT FÜR LOKALKOMITEE BASEL-LAND

DEMOKRATIE MIT MIGRATIONSVORSPRUNG

KICK-OFF EVENT FÜRLOKALKOMITEE SOLOTHURN

FESTA DELLA DEMOCRAZIA